Giovedì 8 settebre

ore 18.30 – Ananda Yoga, L’uomo è il ponte
a cura di Riccardo Serventi Longhi

Lo Yoga è un ponte, e il Ponte è la sua essenza, il suo stato naturale di espressione. L’uomo è quel ponte.” L’Ananda Yoga, aiuta a creare armonia tra corpo, mente e anima, aumenta la nostra consapevolezza ed eleva la nostra coscienza. 
Ricorda di portare il tuo tappetino!


Riccardo Serventi Longhi
Insegnante Ananda Hata Yoga. Ha acquisito la conoscenza di questa scienza antica frequentando più scuole per approfondire stili diversi di approccio allo Yoga, Jayadev Jaerschky, Shivaraja Deva, Antonio Nuzzo, Philippe Djoharikian, Moiz Palaci, Renata Angelini, Piero Vivarelli, Willy van Lysebeth, Shivani Lucky (Raja Yoga) ed altri. Contemporaneamente e in totale unione di intenti, svolge anche la sua prima professione, quella di attore. Ha tenuto lezioni presso il centro Ananda Roma e allo Yoga Festival di Roma edizione 2014 e 2015, al Museo Nazionale di Roma MAXXI per la giornata mondiale dello Yoga il 21 Giugno 2015 e presso l’ambasciata Indiana.


ore 20 Daniele Mutino “San Giorgio e il drago” tra leggenda e modernità. Atto Iù
Dalle musiche e le parole di Daniele Mutino, un cantastorie dei tempi moderni, scopriremo la leggenda aurea di San Giorgio, la storia degli sposini zingari Sascia e Lilli, il drago fetente di Malagrotta e molte altre narrazioni di racconti epici ed immaginifici.

Daniele Mutino
è musicista (compositore, pianista, fisarmonicista), cantastorie e antropologo culturale. Il suo linguaggio artistico, particolarmente legato alla fisarmonica, è originale ma non può prescindere né dalla sua formazione originaria come pianista solista di musica classica né dall’esperienza concreta di più di venti anni di spettacoli di piazza. E’ anche fondatore e direttore del Progetto “Cantastorie per Tempi Moderni”, del gruppo musicale “I Cosacchi” e dell’ensemble di fiati e percussioni “I Musici della Storia Cantata”, è fondatore del “Trio Filamistrocca”.


ore 21.30 – Alessandro Sfasciotti  “Sfascio” Voce e chitarra
Sfascio è l’alter ego di Alessandro Sfasciotti, già fondatore, autore, cantante, chitarrista, frontman, leader carismatico, segretario particolare e ministro senza portafoglio delle dieciunitásonanti. Porterà sul Ponte della Musica le sue sonorità dell’indie made in Roma.


dalle 17 alle 20 
Il Bibliobus effettuerà il servizio di prestito al pubblico partecipante. In collaborazione con la Biblioteca Flaminia.

 

Dalle ore 17.00 alle 24.00 food&beverage giochi sul Ponte con l’installazione di land art “Di Ponte in Bianco”